Chi siamo

Early Music EnsemblePalma Choralis®, fondata formalmente nel 2006 da Marcello Mazzetti e Livio Ticli che ne rappresentano il nucleo e ne detengono la direzione musicale e artistica, si compone di due dipartimenti che lavorano in stretta sinergia: il Gruppo di Ricerca e l’Ensemble di Musica Antica.

BREVE INTRODUZIONE · La storia di Palma Choralis può tradursi e sintetizzarsi in un graduale processo di crescita, una costante maturazione e uno sviluppo continuo da sempre incentrato sul concetto di Armonia. La formazione dei membri fondatori è stata assai diversificata: M. Mazzetti ha svolto un percorso di studi incentrato sulla chitarra classica e sugli strumenti a pizzico, la composizione, la direzione corale e d’orchestra mentre L. Ticli ha compiuto il proprio percorso di studi in pianoforte, tastiere antiche, canto e composizione. Dopo il loro incontro avvenuto a Cremona nel 2002, essi hanno proseguito congiuntamente il cursus studiorum in Musicologia con un curriculum storico-filologico applicato ai testi musicali fra medioevo e rinascimento. Accresciuti gli interessi di ricerca nella Early Music, hanno deciso di specializzarsi presso il Dipartimento di Musica Antica dell’Accademia Internazionale della Musica di Milano in Polifonia Rinascimentale.

Di enorme importanza formativa è stata l’esperienza e l’amicale conoscenza del Prof. Giacomo Baroffio presso l’Università di Pavia, con il quale hanno approfondito lo studio del Canto Liturgico cristiano d’occidente nelle sue diverse tradizioni grazie alla comprensione dell’inscindibile rapporto fra Canto Sacro e Rito e senza la quale ogni tentativo di studio dello specifico repertorio diviene arido e ‘museale’. Essi hanno così proseguito il proprio percorso di formazione in musica sacra con la Prof.ssa Sandra Martani, grazie alla quale hanno potuto studiare, in parallelo, il repertorio musicale bizantino. Nel 2005 sono stati presenti al Convegno Internazionale di Musica Bizantina di Iaşi (Romania) dove hanno potuto esperire per la prima volta il canto nella Divina Liturgia in collaborazione con l’Ensemble Byzantion (A. Sirbu dir.), uno dei gruppi più importanti di musica psaltica in Europa.

MISSION ·  Partendo da queste premesse (pratica del repertorio rinascimentale, liturgia e canto gregoriano e bizantino) è sorta l’esigenza di fondare una nuova realtà che potesse contemplare entrambi gli aspetti, teorico e pratico, all’interno di un laboratorio permanente in cui fosse possibile ripristinare lo spirito che animava il repertorio antico e riflettere sulle attuali possibilità esecutive. Da qui, diventa essenziale l’espressione «partire dalla voce e dal canto», ovvero sia dall’ascolto quale fenomeno complesso, vivificante e relazionale: così come insegnato dalla pedagogia antica, l’approccio non mediato alla musica è sempre stato il canto – mimesis per eccellenza della natura – che, anche in epoca classica, era ritenuto parte essenziale e complementare nel processo di formazione e sviluppo armonico del corpo.

PROGETTI · Riteniamo che il prediligere progetti e idee complesse, poli-prospettiche e ad ampio raggio sia di primaria importanza. Così, Palma Choralis rifugge, nell’elaborazione delle proprie proposte d’eccellenza, la classica formula del recital, preferendo, ad esempio, il racconto di una storia (come in una pièce teatrale) e, dunque, integrando la musica al contesto specifico per cui essa è pensata (come il Rito, in ambito sacro). Di conseguenza diviene indispensabile il dialogo con il contesto e la committenza: la connessione con le Istituzioni locali diviene essenziale per sviluppare progetti che tendano a promuovere e a valorizzare i beni culturali materiali e immateriali (come tradizioni liturgiche e repertori musicali devozionali e profani radicati nel territorio e tuttavia inediti; chiese, teatri e beni architettonici votati nel passato all’accoglienza e alla promozione dei linguaggi artistici e della Bellezza). In questo modo, l’evento musicale ideato da Palma Choralis si configura come una reale e concreta opportunità per  stabilire una connessione pregnante il tessuto sociale che metta al centro il rapporto fra pubblico ed eredità (tradizione) culturale, fino a quel momento rimasta muta e nell’ombra.

È bene precisare che Palma Choralis, grazie alla sinergia dipartimentale di cui si è dotata, istituisce una corsia preferenziale e imprescindibile nei confronti della più recente ricerca in campo umanistico e scientifico, rendendo fruibili al pubblico i risultati delle proprie indagini ad ampio spettro in una inedita armonia che coniughi rigore metodologico, alta qualità artistica e innovazione.

Nel corso degli anni, Palma Choralis ha mostrato una grande versatilità d’organico pur ottemperando allo spirito e alla missione che ne ha animato la fondazione: le tracce dei fruttuosi passaggi di artisti che al contempo sono divenuti compagni di viaggio, si possono vedere nella Tabula Gratulatoria. Si potrà così evincere come il nucleo fondante si vivifichi da sempre dell’esperienza di molti musicisti e ricercatori provenienti dall’Italia e da tutto il mondo.